LA VITA È COME IL RESPIRO

Note iniziali:   clicca qui   (LEGGILE !)

 

In un precedente articolo (clicca su: RITORNO) ti ho esposto qual è la “missione” attuale di questo blog: ti parlerò di meditazione zazen.

Ho cominciato a fare qualche premessa (della serie “patti chiari, amicizia lunga”)

Per prima cosa ti ho detto che LA MEDITAZIONE NON SERVE A NIENTE.

In un altro articolo (vedi su: LA FELICITÀ NON ESISTE), ti ho spiegato che, sicuramente, la meditazione non ti farà raggiungere la felicità.

Adesso, entro un po’ nel pratico e ti spiego qualcosa riguardo un aspetto fondamentale di qualsiasi pratica meditativa: il respiro.

Anche nella meditazione zazen rivolgiamo la nostra attenzione al respiro.

Ciò, ovviamente, non significa che si deve controllare lo stesso respiro. Lo segui nella sua spontaneità, non decidi tu la sua frequenza o la sua profondità. Lo percepisci ed impari ad accettarlo per quel che è, in ogni singolo istante.

Ad un certo punto, capisci che anche tutta la vita è come il respiro.

In qualsiasi momento del giorno puoi anche decidere di respirare più forte o, talvolta, puoi cercare di respirare più lentamente, ma di solito il respiro semplicemente accade e questa è la sua vera natura.

Poi, ad un certo punto…
si fermerà. Per sempre!

 

Così è anche la vita: ti puoi affannare a fare mille cose o puoi fermarti a far nulla, ma in ogni caso nella vita accade quel che deve accadere (e tu puoi esserne solo testimone).

 

E poi, ad un certo punto…

la vita finisce.

Tutto qui!

 

Ciao a tutti da Renato

 

Se lo ritieni opportuno fai conoscere questo blog ad altre persone. Ad esempio puoi copiare il link per il blog Quasi Zen ed inviarlo ad almeno tre tuoi amici, tramite una mail, oppure puoi presentare i miei articoli in qualche piattaforma “social” (tipo Facebook o WhatsApp), tramite gli appositi “tasti” presenti in fondo ad ogni articolo.

Precedente LA FELICITÀ NON ESISTE Successivo WU WEI

Lascia un commento